Vai al contenuto

The Warrior Diet


HaphaHapha
 Condividi

Messaggi raccomandati

HaphaHapha

Ho recentemente smesso di fumare, e dopo un periodo di sfogo senza contegno e senza ritegno sul cibo peggiore che ci sia in circolazione, ho deciso di intraprendere, finite le festività pasquali, una dieta, o più che altro uno "stile di vita", che suscita tanta incredulità e storce parecchi nasi, ma a sentir dire, chi l'ha provata ne risulta decisamente soddisfatto. Sto parlando della famigerata WARRIOR DIET, la dieta del guerriero.

"La Dieta del Guerriero inventata da Ori Hofmekler, è basata su un ciclo giornaliero alimentare che comprende due fasi: sottoalimentazione durante il giorno e sovraalimentazione durante la sera-notte.

Durante la fase di sottoalimentazione, si dovrebbe minimizzare il consumo di cibo composto per lo più frutta e verdure crude, zuppe, e piccole quantità di alimenti proteici.

La fase di sottoalimentazione dovrebbe durare tutto il giorno (lavorativo)applicando le regole della dieta a digiuno intermittente. Così facendo si stimola naturalmente il sistema nervoso simpatico (SNS) che promuove la vigilanza, la competitività e il dispendio energetico. Durante questo tempo, il corpo si sposta in un bilancio energetico negativo e quindi è costretto a bruciare grasso immagazzinato per produrre energia.

La fase di assunzione alimentare maggiore si svolge durante le ore serali-notturne.

Questo è il momento in cui dovrebbe essere consumato il pasto principale, quando si può mangiare quanto si vuole da tutti i gruppi alimentari seguendo però determinati schemi alimentari che vedremo più avanti.

Gli individui fisicamente attivi possono richiedere maggior energia e soprattutto tipologia di carburante (grassi o carboidrati) a seconda della natura e del livello della loro attività fisica. La fase di eccesso di cibo provoca l'attivazione del sistema nervoso parasimpatico (SNP) che favorisce il rilassamento ed il recupero. Durante questa fase, il corpo si sposta verso un bilancio energetico positivo, mentre crea uno stato anabolico-costruttivo generale. Questo è il momento in cui il corpo recupera, costruisce i tessuti e riempie le riserve energetiche.

La ciclicità tra bilancio energetico negativo e positivo attiva dei geni conosciuti come "geni parsimoniosi" che migliorano la sopravvivenza umana. Questa si misura dalla capacità di migliorare l'utilizzo dell'energia, le prestazioni e la salute. La Dieta del Guerriero permette di accendere interruttori biologici che consentono di migliorare la sopravvivenza umana giorno per giorno.

Quali regole seguire per ottenere i risultati voluti attraverso questa tipologia di alimentazione:

Nella fase di sovraalimentazione bisogna iniziare a mangiare cibi meno saporiti per poi passare agli alimenti più gustosi e saporiti, per cui si partirà con l'assunzione di insalata, verdure, proteine, poi finire con i cibi più ricchi in carboidrati.

Sarà importante introdurre un'ampia varietà di alimenti sia dal punto di vista del sapore, della consistenza e del colore, per apportare tutti i principi nutritivi (macro e micro nutrienti).

Il segnale per smettere di mangiare sarà quando si sentirà molta più sete di fame.

L'autore ha "inciso" dei veri e propri comandamenti che "il guerriero" sottoposto a questo regime alimentare dovrà seguire e sono:

Sottoalimentarsi durante il giornoMangiare il vostro pasto principale durante le ore serali-notturneFornire il vostro corpo di tutti i nutrienti essenziali (es. vitamine, minerali, EFA, aminoacidi, probiotici)Introdurre tutti gli aromi, i sapori, le consistenze e colori possibili nei pastiDetossificarsi riducendo al minimo l'assunzione di cibo animale per alcuni giorniQuando possibile, ciclicamente ruotare i giorni in cui carboidrati, proteine o grassi dominano le percentuali caloriche assunteEvitare cibi contenenti ormoni, pesticidi, additivi chimici, polialcoli, dolcificanti artificiali e fruttosio in eccessoNon mangiare da soli cibi che contengono carboidrati ad elevato indice glicemicoFare attività fisica regolarmente anche durante la fase di sottoalimentazioneEvitare combinazioni alimentari sbagliate come ad esempio

- Grano e zucchero

- Amido, grassi e zuccheri

- Noci e grana

- Carboidrati e alcool

L'autore fa notare che il corpo umano si adatta meglio a fonti primitive di cibo che erano disponibili per il corpo umano nelle prime fasi dell'evoluzione della catena alimentare come frutta, verdure, legumi, radici, noci, semi, uova, pesci anche crudi, senza esagerare coi latticini e cercare di evitare o ridurre al minimo indispensabile i cereali, le carni degli animali da allevamento, prodotti di latte pastorizzato e trattate chimicamente e prodotti alimentari trasformati.

L'obiettivo della Dieta del Guerriero è quella di creare uno stile di vita che imiti quello dei nostri predecessori dalla preistoria all'antica Roma (primitivi e gladiatori)

Se vogliamo sintetizzare il tutto dando delle indicazioni e delle delucidazioni potremmo dire che questo modello alimentare si basa sul presupposto che nutrire il corpo assecondando i ritmi circadiani propri dell'uomo primitivo è funzionale al mantenimento della forma fisica e della salute poichè potenzia l'utilizzo dei nutrienti e la trasformazione del grasso corporeo in energia, aumentando allo stesso tempo la resistenza allo stress.

La "Warrior Diet" prende come esempio i soldati dell'impero romano che erano sottoposti a stress importanti per le guerre ed i grandi spostamenti. Essi si allenavano per combattere, avevano delle corporature possenti e delle masse muscolari importanti, quindi portavano nel corpo un bel po' di energia accumulata nei periodi di riposo e nutrizione.

Più precisamente il modello di Hofmekler, che si rifà in parte anche agli studi sul digiuno intermittente e sulla restrizione calorica prevede un solo pasto abbondante al giorno dopo aver praticato 10-12 e più ore di digiuno o essersi limitati all'assunzione di piccoli spuntini proteici o succhi di frutta o verdura.

In queste condizioni l'organismo interpreterebbe il digiuno come una sorta di stato di emergenza e sintetizzerebbe di conseguenza tutta una serie di ormoni che favoriscono la trasformazione dei grassi in energia (ormone della crescita, adrenalina, noradrenalina) e migliorano la risposta del fisico alle circostanze ambientali.

Secondo Hofmekler il fatto che la colazione sia considerata il pasto più importante della giornata non ha alcun fondamento scientifico, mentre il corpo umano sarebbe più vigile ed efficiente se lo si tiene a digiuno fino a sera per poi riempirlo di calorie nell'ordine di:

  • Verdure
  • Proteine
  • Grassi
  • Carboidrati complessi, derivanti soprattutto dall'orzo, riso, miglio, amaranto,quinoa,avena

L'uomo è per sua natura un mangiatore notturno programmato per lavorare e digiunare durante il giorno e mangiare e riposare durante la notte mentre sarebbe proprio la consuetudine di consumare i propri pasti durante il giorno che, andando contro natura, favorisce il dilagare di obesità, diabete, infarto e ictus.

Durante la giornata dovranno essere consumati alimenti del tutto naturali, come centrifugati di verdure, un po' di frutta e piccole quantità di proteine.

Alla sera con il riposo, si pone il corpo in uno stato di rilassamento totale ed è questo il momento adatto per fornirgli le energie consumate nell'arco della giornata, attraverso alimenti che favoriscono il rilascio di serotonina, stimolando la prevalenza del sistema nervoso parasimpatico con la mediazione dell'aceticlcolina (sistema colinergico) che dà una sensazione di pace e "meritato riposo" dopo la "guerra della giornata".

Fino a quando mangiare nel pasto serale??

Fino a quando si ha più sete che fame, appena avete voglia di acqua o sentite la sete è il momento di fermarsi

Perché funziona?

Il corpo è progettato per mangiare in questo modo.

La mattina appena svegli e quindi a stomaco vuoto abbiamo in giro 3 cose:

1) il testosterone , ogni uomo ha il picco di T verso l' alba

2) il cortisolo , ormone dello stress , ormone estremamente lipolitico

3) catecolamine, adrenalina e noradrelina, energia allo stato puro

Tutti questi ormoni aumentano l'energia l'aggressività e la lucidità mentale ciò che serve a cacciare a uccidere le prede ecc (per l'autore non siamo cambiati di molto dai tempi delle caverne) e sono stimolati dall'essere a stomaco vuoto

In questa fase di digiuno perderete peso e acqua, quindi è molto importante bere molto.

Se iniziaste a mangiare in questa fase della giornata, si alzerebbero l'insulina e il gh, ormoni che ci rendono tranquilli, rilassati poco aggressivi, pigri, ci fanno sentire deboli e immagazzinano subito le energie e abbassano i 3 ormoni sopracitati.

Il sangue poi si allontana dai muscoli per andare verso lo stomaco per la digestione e quindi meno sangue per i muscoli.

Altro effetto positivo: essendo a digiuno fegato e reni lavorano a vuoto e quindi c'è una fase di purificazione

Ecco in sintesi i principi sui quali si basa la dieta del guerriero

L'uomo è un mangiatore notturno programmato per digiunare e lavorare durante il giorno e riposare e mangiare durante la notte;

L'uomo è programmato per vivere in un mondo paleolitico, precedente cioè all'avvento dell'agricoltura;

Esercizio fisico e digiuno migliorano le capacità di sopravvivenza, intesa come maggiore resistenza alla fatica e maggiore capacità di utilizzare l'energia

Il piano alimentare "Warrior Diet" è stato ideato da Ori Hofmekler e si basa su una struttura molto semplice e intuitiva: l'alimentazione ciclizzata tra 2 fasi

  • fase 1 - sottoalimentazione (della durata di circa 20 ore)
  • fase 2 - sovralimentazione (per le restanti 4 ore)
    FASE 1: Sottoalimentazione

Durante la prima parte della giornata sono consentiti pochi alimenti, per lo più di origine vegetale, semi e proteine semplici.

Tutti cibi poco impegnativi per il nostro apparato digerente.

Questo ha lo scopo di facilitare la detossificazione dell'organismo (che non stressato dai frequenti pasti ha più risorse per questo compito).

Inoltre il prolungato (ma controllato) stato di sotto-alimentazione innesca processi fisiologici come l'aumento della sensibilità all'insulina, e un maggiore produzione di ormoni anabolici per contrastare lo stato di "carenza di risorse" e sfruttare al meglio le poche presenti.

FASE 2: Sovralimentazione

Dopo la Fase 1 il corpo si ritrova svuotato di risorse e in una condizione di massima sensibilità ai nutrimenti.

Questa particolare condizione (ottenibile appunto tramite la sotto-alimentazione controllata) fa in modo che la grande quantità di nutrimenti introdotta durante la sovralimentazione non vada persa ne "stoccata" come grasso (complice anche il basso livello di insulina).

Durante questa fase non esiste particolare vincolo alla tipologia di cibo da assumere ne alla sua quantità.

Il tutto viene "gestito" in base a 3 semplici regole:

iniziare il pasto principale con cibi dai sapori più "leggeri" per passare poi a quelli più "forti"includere il maggior numero di sapori, colori, aromi, consistenze possibili nel pastomangiare fino a sazietà o quando lo stimolo della sete è maggiore di quello della fame."

A VOI I PARERI ;)

Link al commento
Condividi su altri siti

GTC

la cosa interessante e che nella parte che hai citato tu, c'è una parte che aveo scritto io.

posso chiederti dove hai preso quel testo?

Link al commento
Condividi su altri siti

  • 1 mese dopo...
HaphaHapha

la cosa interessante e che nella parte che hai citato tu, c'è una parte che aveo scritto io.

posso chiederti dove hai preso quel testo?

ehi scusa se non ho risposto prima, avevo il pc fuori uso!!! googla "warrior diet", dovrebbe essere uno dei primi risultati

Link al commento
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere un membro per lasciare un commento

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra community. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora
 Condividi

×
×
  • Crea Nuovo...